Pagina pubblicata tra il 1995 e il 2013
Le informazioni potrebbero non essere più valide
Documenti e testi normativi non sono aggiornati

Diritto d'autore

Tranquilli, la Pantera Rosa non cambia colore

di Manlio Cammarata -06.12.07

 
"Liberate il magenta!"
A InterLex sono arrivate in questi giorni diverse sollecitazioni ad aderire alla campagna per "liberare" il colore magenta e la combinazione blu-argento, che sarebbero state in qualche modo "sequestrate", rispettivamente, da Deutsche Telekom e da Red Bull con marchi commerciali europei (vedi Repubblica.it del 14 novembre scorso).
In effetti sono centinaia i siti che si scagliano contro la supposta appropriazione dei colori. Qualche esempio: www.megalab.it/news.php?id=1879, www.stijlfigurant.nl/magenta/index.php, www.freemagenta.it www.webmasterpoint.org/news/il-colore-magenta-e-copyright-di-deutsche-telekom_p30650.html,  e tanti altri. Su un divertente sito danese, Stupid Studio, si teme addirittura che la Pantera Rosa debba cambiare colore, visto che il "rosa" del cartone originale vicino al magenta.

Calma, ragazzi!

La notizia, cos come viene data da molti siti, appare a prima vista bislacca e imprecisa. Prima di tutto si nota come le informazioni siano passate dall'uno all'altro senza il minimo controllo o approfondimento. Infatti viene molte volte citato il numero del marchio comunitario di Red Bull (CTM 002534774) per indicare quello di Deutsche Telekom (che invece CTM 000304626). Poi non vero che i colori in questione siano oggetto di "brevetto" o di "copyright". Si tratta invece di "marchi commerciali comunitari" (CTM, Community Trade Mark), che sono tutt'altra cosa.

Ma il bello che l'intera questione, cos come viene presentata, priva di fondamento. Per capirlo basta andare sul sito dell'Ufficio per l'armonizzazione del mercato interno, sul quale si possono trovare in un attimo informazioni dettagliate su ogni marchio registrato come CTM. Si scopre cos che la registrazione della combinazione blu-argento di Red Bull stata depositata nel 2002, registrata nel 2005 e dichiarata nulla per ben tre volte nel 2007.
E per quanto riguarda il magenta di Deutsche Telekom, depositato nel 1996 e registrato nel 2002, l'oggetto tutelato non il colore, ma la denominazione.

Resta comunque un dubbio: nasce dalla presenza, su alcuni siti, di una presunta dichiarazione di Deutsche Telekom o della sua controllata T-Mobile che vieterebbero l'uso del colore magenta, in quanto "registered trade mark". Il fatto strano che il colore usato dalle due compagnie non il magenta, ma un colore pi scuro. Per essere chiari, dei due rettangoli che si vedono qui sotto con i relativi codici RGB in notazione esadecimale, il primo il magenta "vero", oggetto del presunto deposito, il secondo quello effettivamente usato nei due siti (www.telekom.de e www.t-mobile.com).

 #FF00FF #E70073

Evidentemente c' qualcosa che non funziona. Se non ci fossero le registrazioni ufficiali, il tutto avrebbe l'aria di una burla. Ma chiaro che la campagna "liberate il magenta" fondata sul nulla, anche a prescindere dal fatto che la registrazione come marchio commerciale di un semplice colore, che esiste da sempre ed universalmente usato, non sta in piedi.

Ma da questa vicenda si possono trarre diverse morali. La prima che siamo ormai cos abituati alla "privatizzazione" della conoscenza che queste notizie da una parte sembrano normali e dall'altra suscitano reazioni clamorose. La blindature delle idee un aspetto preoccupante del nostro tempo Ne abbiamo parlato tante volte (vedi, fra l'altro, Contenuti: giardino recintato o campo di concentramento? di Paolo Nuti, Contenuti sotto chiave: XCP solo la punta dell'iceberg, La societ dell'informazione negata).

La seconda morale quella che piace ai detrattori del World Wide Web: sull'internet si trovano tante notizie non vere, errate, superficiali. Ma l'informazione "frettolosa e semplificatoria" (come la defin Eugenio Scalfari nel 2000) non solo sull'internet. E' anche sulla carta stampata e nella televisione. Con un differenza: che cercando nel WWW si possono trovare anche pagine che approfondiscono i problemi, correggono gli errori, rivelano gli equivoci. Come questa che state leggendo. Come l'articolo di Paolo Nuti C' qualcosa di buono nel "patto francese", che mette in luce aspetti ignorati dai tanti che, da tanti siti, in questi giorni si scagliano superficialmente contro un testo che presenta diversi motivi di interesse.

 

Inizio pagina  Indice della sezione  Prima pagina InterLex 2007 Informazioni sul copyright