Pagina pubblicata tra il 1995 e il 2013
Le informazioni potrebbero non essere più valide
Documenti e testi normativi non sono aggiornati

 

Pubblica amministrazione e open source

...sono a richiedervi i sorgenti dell'applicazione...
di Damiano Verzulli - 14.11.02

Date: Wed, 13 Nov 2002 13:09:39 +0100
From: Damiano Verzulli <damiano@verzulli.it>
To: salaced@cedelett.mininterno.it, infoaire@cedelett.mininterno.it
CC: cittadinitalia@mininterno.it, redazioneweb@mininterno.it,
Punto Informatico <pi@deandreis.it>, InterLex <redazione interlex.it>,
software@guidonia.org, "Prof. Angelo Raffaele Meo" <meo@polito.it>,
L.Stanca@governo.it
Subject: Programma per la gestione informatizzata AIRE


Gentili Signori,

ho appena appreso da una rivista del settore [1] che la gestione delle
"Anagrafi dei Cittadini Italiani residenti all'estero" e' effettuata,
dietro suggerimento del vostro dipartimento, mediante l'utilizzo di un
programma denominato "AnagAIRE".

Stando a quanto riportato sul vostro sito web e, precisamente,
all'indirizzo:

http://cedweb.mininterno.it:8089/info_anagaire.htm

si deduce che tale programma e' costituito da una serie di applicazioni
Win32, ossia applicazioni che possono essere eseguite unicamente su
piattaforme Microsoft. Tale vincolo e' chiaramente esplicitato anche
nella vostra Circolare 22/2002 del 14.10.2002, disponibile on-line
all'indirizzo:
http://cedweb.mininterno.it:8089/circolari/circ_n_22_2002_14_ottobre_2002.htm

Seppur l'esistenza di piattaforme alternative (Es.: GNU/Linux) risulti
tuttora sconosciuta ai piu', oggigiorno esistono valide motivazioni
affinche' tali piattaforme vengano adottate _anche_ e _soprattutto_
nella Pubblica Amministrazione. A tal riguardo e' emblematico il caso
del Comune di Guidonia dove lo "Sportello Unico per le Attivita'
Produttive" e' completamente gestito da software Open Source [2]

Sul versante politico, inoltre, avrete sicuramente notato l'istituzione
della neo "Commissione per l'Open Source nella P.A." [3] da parte del
Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie. Tale Commissione rappresenta
un concreto passo avanti rispetto a quanto gia' affermato nelle "Linee
Guida del Governo per lo Sviluppo della Societa' dell'Informazione" [4].

I riferimenti, ovviamente, non si limitano a questi: la Comunita'
Europea si e' espressa diverse volte a favore dell'Open Source e, in
vari ambiti, sta promuovendo progetti, iniziative e studi atti a
favorire la diffusione di tale software a tutti i livelli della Pubblica
Amministrazione Europea [5]

In aggiunta al materiale Europeo, segnalo un ultimo riferimento che,
piu' degli altri, e' adatto a fornire una panoramica di assoluta
eccellenza sui rapporti fra il "software libero" e la "Pubblica
Amministrazione". E' stato redatto da un senatore Peruviano (Edgard
Nunez Villanueva) in risposta a delle osservazioni di Microsoft Peru'
[6] relativamente ad una proposta di legge per l'introduzione del
software libero nella PA peruviana, proposta di cui Villanueva e'
firmatario:
http://www.pimientolinux.com/peru2ms/villanueva_to_ms_it.html

Alla luce di quanto sopra segnalato, ritengo estremamente improbabile
che il vostro dipartimento non consideri adeguatamente le tecnologie
legate al software libero ed al software open-source. E' per questo che
vi chiedo di illustrarmi le motivazioni che vi hanno spinto a _non_
sviluppare una versione di tale software che possa funzionare su
piattaforme "libere".

Nello stesso tempo, al fine di coadiuvarvi nel porting
dell'applicazione AIRE su piattaforma GNU/Linux, sono a richiedervi i
codici sorgenti dell'applicazione stessa. Tale richiesta e' anche
motivata dai principi di "trasparenza", "tutela della privacy" e
"sicurezza" ampiamente trattati nei documenti citati.

Restando a vostra completa disposizione per ogni ulteriore chiarimento
ed in attesa di un cortese cenno di riscontro, colgo l'occasione per
salutarvi cordialmente.

Saluti,
Damiano Verzulli


Riferimenti:
------------
[1] Punto Informatico => http://punto-informatico.it/p.asp?i=42127&d=nb

[2] Comune di Guidonia =>
http://suaptiburtino.guidonia.org/tiburtino/guidonia/software/down.shtml

[3] http://www.innovazione.gov.it/ita/comunicati/2002_11_08.shtml

[4] http://www.innovazione.gov.it/ita/documenti/socinfo11_06_02.pdf
(pag. 66 - paragrago 8.9 - "L'Open Source")

[5] I riferimenti sono tanti. Riporto i principali:
- Study into the use of open source software in the public sector
http://europa.eu.int/ISPO/ida/jsps/index.jsp?fuseAction=showDocument&documentID=333
&parent=chapter&preChapterID=17-134

- Pooling Open Source Software. An IDA Feasibility Study
http://europa.eu.int/ISPO/ida/jsps/index.jsp?fuseAction=showDocument&parent
=news&documentID=55

- Free/Libre Open Source Software: Survey and Study
http://www.infonomics.nl/FLOSS/report/

- Working Group on Libre Software - Free Software / Open Source:
Information Society Opportunities for Europe?
http://eu.conecta.it/paper/

- Brussels to spend 250k on Linux migration study
http://www.theregister.co.uk/content/4/27853.html

[6] La lettera originale di Microsoft Peru' a Villanueva e' disponibile
on line agli indirizzi:
- http://www.pimientolinux.com/peru2ms/document1.jpg
- http://www.pimientolinux.com/peru2ms/document2.jpg
- http://www.pimientolinux.com/peru2ms/document3.jpg
--
Damiano Verzulli
e-mail: damiano@verzulli.it
web: www.verzulli.it
---
possible?ok:while(!possible){open_mindedness++}