Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

Big Data, Big Brother. E la privacy? Big Problem...

Privacy e sicurezza - Manlio Cammarata - 1. febbraio 2017
"Una straordinaria intrusione nella vita di tutti, una vera e propria sorveglianza, con effetti importanti sui comportamenti individuali e collettivi, sugli stessi caratteri delle nostre democrazie". Parola del Garante.

E' un passaggio della relazione di apertura di Antonello Soro, presidente del Garante per la protezione dei dati personali, al convegno Big Data e Privacy che si è tenuto a Roma il 30 gennaio scorso. Il discorso va letto con attenzione, perché descrive con chiarezza il mondo tecnologico nel quale viviamo e i suoi effetti sulla vita di ognuno di noi.

Ma che significa Big Data? Sono solo tre sillabe per indicare non solo l'esistenza di enormi masse di informazioni, in ogni campo, ma anche la loro elaborazione con software di grande potenza. Software che consentono anche di analizzare nei minimi dettagli la vita quotidiana di ogni persona, di prevederne i comportamenti futuri e di influenzarli, di determinarli.

Insomma, Big Brother è tra noi. Il Grande Fratello, che nel 1948 George Orwell aveva immaginato per il 1984, è arrivato con qualche anno di ritardo, ma è arrivato. Non ha le sembianze e la voce di Stalin o i baffetti di Hitler, come voleva l'immaginario del secondo dopoguerra. E' un cielo pieno di cloud, di "nuvole" che raccolgono informazioni su di noi: quelle che forniamo consapevolmente e quelle che vengono raccolte più o meno a nostra insaputa. 

Ascoltiamo ancora il Garante: "Avvertiamo che lo sviluppo di una florida economia fondata sui dati, che sfrutta le funzionalità tecnologiche per la loro raccolta continua e massiva, la trasmissione istantanea ed il riutilizzo, ci espone a nuovi rischi".

Tutto questo viene presentato come inevitabilmente connesso alla nostra epoca. Anzi, utile per lo sviluppo dell'economia. Il Grande Fratello è visto come un dato di fatto e non come un problema, con tutte le conseguenze che ne derivano.
Ma perché i Big Data sono così pericolosi, perché possono avere "effetti importanti sui comportamenti individuali e collettivi, sugli stessi caratteri delle nostre democrazie", per usare sempre e parole del Garante?

E' semplice: nel momento il cui il Grande Fratello conosce ogni dettaglio della nostra vita, i nostri spostamenti, le nostre preferenze, le nostre amicizie, può somministrarci informazioni su misura, selettive, personalizzate, per convincerci a compiere determinate scelte, in qualsiasi campo: dall'acquisto di un'automobile al voto politico.
In quattro parole: limita la nostra libertà.

Qualcuno dubita che il tecnocontrollo possa essere così intrusivo da disegnare il profilo dettagliato di ogni persona. Il dubbioso farebbe bene a leggere con attenzione le "autorizzazioni" che moltissime "app" impongono a chi le usa.
Azioni come la lettura della posta, l'attivazione della telecamera e del microfono dello smartphone o del PC costituiscono vere e proprie intercettazioni, per di più compiute senza le garanzie che la legge impone per le indagini giudiziarie.

Sono possibili difese efficaci? Le leggi sui trattamenti dei dati personali possono proteggerci dal Grande Fratello del terzo millennio? Ne parleremo nel prossimo articolo.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home

 

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright