Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori. Sono in corso di eliminazione i link di facebook, che tracciano chi clicca su "mi piace" o "condividi"

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE
HOME     Informazioni     Contatti
DIRITTO TECNOLOGIA INFORMAZIONE – UN BLOG DI MANLIO CAMMARATA

 

COVID-19, il furbofono può aiutare ad arginare il virus

Privacy e sicurezza - Manlio Cammarata - 22 marzo 2020

La notizia di questa mattina è che il Governo sta per emanare un bando per la realizzazione di un'app destinata a tracciare gli spostamenti delle persone per identificare e bloccare possibili contagi da parte di soggetti positivi al Coronavirus. Lo hanno fatto nella Corea del Sud, a quanto pare con buoni risultati.
Bene. Finalmente i furbofoni e i big data saranno usati per qualcosa di veramente utile.

Ma... Ci sono almeno due grandi "ma". Il primo è che il furbofono è costruito per rendere disponibili ai padroni dei big data – i soliti Google, Amazon e compagnia, e poi le varie Cambridge Analytica – la maggiore quantità possibile di informazioni su chi lo usa. Tutte le app (TUTTE, per quanto mi risulta) raccolgono dati personali, anche contro il mancato consenso dell'utente, e in qualche modo ci guadagnano. L'architettura dei dispositivi e del software è fatta anche per questo.

In sostanza, il "sistema" è costruito per violare la vita privata delle persone: l'esatto contrario della privacy by default e della privacy by design prescritte tassativamente dal GDPR e dal buonsenso.
Dunque è necessario che nell'ipotizzato bando governativo sia scritto a chiare lettere che i dati raccolti dall'app debbano essere accessibili solo alle autorità pubbliche e solo al fine di arginare la diffusione dell'epidemia. E che questa caratteristica sia verificabile, di fatto che siano consegnati i "sorgenti" dell'applicazione

Il secondo "ma" riguarda il fatto che almeno Google questi dati li ha già, e comunque ha la possibilità di raccogliere quelli che mancano. E' certo che dispone non solo di quelli raccolti dai telefonini Android, ma anche di quelli che provengono dagli iPhone che usano Google Maps. Allora quello che serve non è un'app per i telefonini, ma un software per analizzare i dati esistenti, solo ai fini della prevenzione sanitaria. E probabilmente questo software c'è già

Questo è un campo in cui big data e (cosiddetta) intelligenza artificiale possono essere fondamentali per la tutela della salute pubblica. Google deve mettere questi dati gratis a disposizione dei Governi. D'altra parte, come ha scritto un anno fa il New York Times, BigG li fornisce già alle polizie locali degli Stati Uniti e all'FBI.

Nel frattempo IO RESTO A CASA.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home
InterLex su Facebook
Arma di sorveglianza di massa che limita la nostra libertà. Possiamo difenderci?
Un piccolo libro per capire come le tecnologie "smart" invadono la nostra vita privata e influenzano le nostre scelte.
Per saperne di più
Leggi le prime pagine
Le recensioni
Stampato o ebook
Acquistalo su Amazon
Storie italiane di spionaggio
IL COLONNELLO REY
Il colonnello Rey su Facebook

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2020 -  Informazioni sul copyrightPrivacy