Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

Decreto privacy, possibili tre mesi di proroga?

Privacy e sicurezza - 21 maggio 2018

La Commissione della Camera per gli atti del Governo non ha ancora iniziato l'esame del decreto legislativo di adeguamento del "Codice privacy", che doveva essere emanato entro oggi. E al Senato spunta una strana "proroga".

Oggi, 21 maggio 2018, scade la delega per l'emanazione del decreto ed è chiaro che il termine non sarà rispettato, con tutto quello che ne consegue in termini di confusione normativa. Qualcuno ipotizza un decreto-legge che riproduca il testo all'esame delle Camere, entro il 25. Ma l'ipotesi non piace, con buone ragioni, a qualche costituzionalista.

Intanto "Non ci sono dibattiti in Commissione", si legge sul sito della Camera dei deputati alla pagina dei lavori della Commissione speciale per gli atti urgenti del Governo dedicata all'atto 022, lo "Schema di decreto legislativo per l'adeguamento del Codice in materia di protezione dei dati personali". Punto.

Invece la corrispondente Commissione del Senato si è messa al lavoro nella mattina di giovedì 17 maggio, con la relazione del senatore Perilli, riportata nel resoconto sommario della seduta. Relazione dettagliata, in cui si dà conto anche dei ritardi nella predisposizione del testo, delle polemiche sulla prima stesura e della singolare circostanza che la versione pervenuta alle Camere non è quella che il Governo ha approvato il 21 marzo.

Un passaggio richiama l'interesse di chi ha letto la Costituzione. Afferma il senatore Perilli "che il 21 maggio 2018 scade la delega conferita dalle Camere al Governo: il termine è prorogato di tre mesi, ai sensi dell'articolo 31 della legge n. 234 del 2012, ma il 25 maggio 2018 entra comunque in vigore il regolamento UE".

Peccato che la norma richiamata non preveda proroghe di questo tipo: ancorché la legge-delega 163 del 25 ottobre 2017 richiami espressamente le "procedure" previste per il recepimento delle direttive europee (e qui siamo di fronte a un regolamento, non a una direttiva), il testo della 234/2012 recita "per le direttive il cui termine [...] sia già scaduto alla data di entrata in vigore della legge di delegazione europea, ovvero scada nei tre mesi successivi, il Governo adotta i decreti legislativi di recepimento entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della medesima legge".
Cioè tre mesi prima dei sei concessi dalla 163/2017.

(M. C.)

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home
InterLex su Facebook
Manlio Cammarata - Non è Casablanca, colonnello Rey
Libia 2015.
L'agente senza pistola
tra i tagliagole dell'ISIS.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo. Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2018 -  Informazioni sul copyrightPrivacy