Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

Vulnerability by design: WannaCry è solo l'inizio

Privacy e sicurezza - Manlio Cammarata - 17 maggio 2017

Il 12 maggio 2017, il giorno di WannaCry, segna probabilmente l'inizio di una nuova "era" delle tecnologie: quella degli attacchi informatici su vasta scala, favoriti dall'insicurezza intrinseca dei sistemi tecnologici.

Sull'onda emotiva scatenata da quello che forse è il primo vero attacco globale ai sistemi informatici, si moltiplicano gli appelli ad "aggiornare" i sistemi e ad "applicare le patch", come se i responsabili del disastro fossimo noi utenti.
Si trascura di accennare a un fatto molto semplice: se l'utente (o l'amministratore di un sistema complesso) sono obbligati a rappezzare continuamente i sistemi operativi e ad aggiornare a ritmi accelerati i software di protezione, vuol dire che i sistemi sono  insicuri dalla nascita.

E' l'esperienza comune di chi ha installato un sistema operativo nuovo di zecca, dichiarato molto più sicuro dei suoi predecessori, e dopo pochissimo tempo è stato avvisato che doveva applicare le patch, le "toppe" necessarie per migliorare la funzionalità e soprattutto la sicurezza del sistema.
Segno evidente, ma sempre trascurato, che il più nuovo, il più efficiente, il più sicuro dei sistemi operativi non è né efficiente né sicuro.

Qualcuno potrebbe pensare che, superati gli inevitabili (?) difetti di gioventù, le cose funzioneranno a dovere. Macché, le toppe si susseguono per tutto il "ciclo di vita" del prodotto.
Provate a installare, oggi, Windows XP: concluso il processo iniziale, la macchina sarà impegnata per ore e ore a scaricare e installare qualcosa come duecento "aggiornamenti".

Si tratta di un'insicurezza congenita, dovuta alla "filosofia" imperante nell'industria globalizzata. Si devono lanciare sul mercato sempre nuovi prodotti, a ritmi sempre più accelerati, si devono persuadere gli utenti ad acquistarli e pazienza se poi non funzionano bene. Se non funzionano bene, se non sono sicuri, pazienza. Si predispongono le patch, si consiglia agli utenti di installarle e se non lo faranno peggio per loro.

L'internet delle cose (inutili) è il ritornello del momento. Si è incominciato col telefonino, poi è stata la volta dell'impianto di riscaldamento. Seguono il frigorifero, la lavatrice e via innovando, fino all'automobile a guida autonoma (in caso di incidente compilerà da sola il modulo per l'assicurazione?).

Tutto "intelligente", tutto in cloud, tutto sotto controllo. Sotto controllo da parte dei giganti dei Big Data, naturalmente. Che grazie al cloud potranno frugare nei minimi dettagli della nostra vita personale e familiare.

Qualche esperto avverte: attenzione, le "cose" collegate all'internet sono del tutto insicure. Ma all'industria non importa. L'importante è venderle, poi ci saranno le patch. Ma ve l'immaginate la celebre casalinga di Voghera alle prese con l'aggiornamento del software del tostapane?

La realtà è che i sistemi informatici sono progettati non sicuri. Mentre qualcuno cerca di far passare concetti come "privacy by design" o "security by design", la realtà è fatta di sistemi, programmi e "cose" vulnerabili fin dalla loro ideazione. La Vulnerability By Design (per gli amici, VBD) è la prima caratteristica delle tecnologie che siamo persuasi – e spesso costretti – a usare tutti i giorni.

E questo è tutto, ma solo per il momento.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home
InterLex su Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo. Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo

 

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright