Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori. Sono in corso di eliminazione i link di facebook, che tracciano chi clicca su "mi piace" o "condividi"

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE
HOME     Informazioni     Contatti
DIRITTO TECNOLOGIA INFORMAZIONE – UN BLOG DI MANLIO CAMMARATA

 

Telelavoro, servono mezzi e istruzioni per l'uso

Varie ed eventuali - Andrea Gelpi - 25 marzo 2020

Una grande banca invita i dipendenti a lavorare da casa, ma la procedura per abilitare il computer domestico è molto complicata e soprattutto scritta in maniera terribilmente ostica. Un manuale pieno di sigle di difficile comprensione anche per un informatico come me. Ho avuto modo di leggere uno di questi manuali, ho capito la logica, corretta nella sostanza, ma tentare di realizzare quanto scritto non è semplice nemmeno per un tecnico, (c'è chi ci ha provato per alcune ore poi ha rinunciato!) figuriamoci un impiegato bancario che di informatica capisce poco.

Con l'emergenza sanitaria di queste settimane improvvisamente molte aziende italiane hanno scoperto il telelavoro (uso questa parola per indicare, in generale, il "lavoro agile", strana traduzione nella nostra normativa dell'inglese smart working). Sono decenni che noi tecnici lo proponiamo alle aziende come soluzione per contenere costi, e non solo, ma ci siamo spesso scontrati con diffidenze sia dei datori di lavoro sia dei sindacati.
Ora che è l'unico modo per non fermare completamente l'azienda tutti corrono e cercano di dare l'accesso remoto ai propri collaboratori da casa.

Alcune grandi aziende da tempo hanno iniziato a curare la sicurezza interna in vari modi, con gli strumenti disponibili, a volte con lavori egregi. Altre hanno già  previsto la possibilità  per i collaboratori di accedere da remoto, ma sono riuscite a mettere in piedi dei sistemi talmente complessi da essere praticamente inutilizzabili.

Vediamo alcuni problemi che il telelavoro messo in piedi in fretta e furia si porta dietro.
Il primo è un problema sociale: le persone a casa non hanno la possibilità  di confrontarsi con il collega della scrivania accanto o eseguire in due un lavoro particolarmente complesso e delicato. Ecco allora che si supplisce con telefonate continue, o si mettono in piedi videoconferenze con strumenti vari,l'importante è che siano gratuiti (visti i problemi economici del momento).

L'uso di applicazioni sullo smartphone, o meglio il furbofono, o tablet, per chattare, telefonare, inviare foto e documenti è divenuto normale e probabilmente lo resterà, perché una volta scoperto un sistema comodo per comunicare perché abbandonarlo a emergenza terminata?

In questo momento di emergenza nessuno si preoccupa del fatto che tutti i dati finiscono nelle mani dei grandi player dell'informatica (quasi tutti americani), gli Over the Top, in quanto usando servizi gratuiti di fatto si è accettato un baratto dei dati (aziendali e non solo), con la comodità  e rapidità  con cui si mette in piedi un servizio. E lasciamo correre i problemi legati al GDPR per l'invio di dati personali, anche particolari, fuori della EU.

C'è poi il problema di crearsi in casa uno spazio con un minimo di tranquillità  per poter lavorare. In questi giorni molti mi telefonano per chiedere supporto e spesso è difficile capirsi per via dei rumori dei figli, presenti nella stessa stanza che giocano, guardano TV, chiedono aiuto per i compiti o altro.
Un secondo problema, ben più pericoloso, è che la maggior parte delle piccole aziende, di cui l'Italia è piena, nulla sanno sulla sicurezza dei dispositivi che i collaboratori usano da casa. Personal computer, tablet, furbofoni, smart TV, ecc. sono dispositivi di cui l'azienda nulla sa sulla sicurezza degli stessi.

Quello che noi tecnici sappiamo è che esistono milioni di dispositivi violati dalla pirateria informatica e usati per ottenere dati da rivendere nei modi più disparati. Sto parlando dei cosiddetti zombie, dispositivi che vengono inseriti in reti gestiti dalla pirateria per gli scopi più disparati. Da quello che si sa, sono appunto milioni. Ecco allora che, concedendo ad un collaboratore di lavorare da casa, l'azienda rischia, senza rendersene neppure conto, di avere aperto una o più porte o più di una alla pirateria informatica.

C'è poi il problema della velocità  della rete che collega le abitazioni alle aziende. In questi giorni il traffico è cresciuto a dismisura. Vodafone, ad esempio, ha dichiarato un aumento del 50% in queste settimane a livello europeo e ha chiesto ad uno degli operatori di TV via internet di diminuire la banda per permettere a tutti di navigare. 

L'Italia sta pagando un ritardo di alcuni decenni (ved Coronavirus e norme nella società vulnerabile). Per poter lavorare da remoto serve una linea soprattutto stabile e che abbia una velocità  decente. Questo a oggi è possibile nelle città, ma appena si esce e ci si trova in periferia o un po' più lontano, la velocità  cala drasticamente e spesso ci sono rallentamenti tali da rendere inutilizzabile il collegamento. Ecco allora che chi si trova a casa rischia di trovarsi bloccato, con una parte del lavoro che va perso e quindi rifatto, o con una lentezza esasperante, soprattutto se i dati sono tutti nel cloud, la famosa "nuvola".

Al problema della velocità  hanno cercato di supplire gli operatori telefonici innescando un altro problema. Se mi connetto tramite un operatore telefonico che mi regala (o meglio mi fa pagare a rate uno smartphone o un tablet) perché mai comprare un PC? Ecco che in molte famiglie i PC non esistono e lavorare usando un tablet non è la stessa cosa che usare un PC con uno schermo di dimensioni adeguate.

Il "lavoro agile" andrebbe progettato con calma, valutando diversi aspetti, per evitare di fare danni nel tentativo di risolvere un problema. Va valutato chi deve accedere, a quali risorse (e non a tutte), come spesso accade in questi giorni per via della fretta. I dati andrebbero cifrati fra la postazione del collaboratore e l'azienda (VPN), ma soprattutto va messo in sicurezza il dispositivo utilizzato a casa, a cominciare da un valido antivirus, ma non solo.
Andrebbe poi valutato per bene quali altri strumenti utilizzare per le teleconferenze, lo scambio di dati ecc, in modo da ridurre il rischio di barattare i propri dati con gli Over The Top.

Una soluzione alternativa potrebbe essere quella di dotare i collaboratori di dispositivi forniti dall'azienda, configurati con tutta la sicurezza necessaria e chiusi, utilizzabili solo per lavorare e non per fare altro. Può sembrare un costo elevato, ma se si considerano i risparmi possibili con dipendenti a casa, non lo è.

Il "lavoro agile" può dare grandi vantaggi alle aziende, e anche all'ambiente, con meno spostamenti, meno traffico nelle città ecc., ma andava organizzato e progettato con calma, prima dell'emergenza, anche da un punto di vista normativo. Ora si adottano soluzioni che rischiano di creare nel medio o lungo termine più problemi che benefici.

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina     Indice di questa sezione      Home
InterLex su Facebook
Arma di sorveglianza di massa che limita la nostra libertà. Possiamo difenderci?
Un piccolo libro per capire come le tecnologie "smart" invadono la nostra vita privata e influenzano le nostre scelte.
Per saperne di più
Leggi le prime pagine
Le recensioni
Stampato o ebook
Acquistalo su Amazon
Storie italiane di spionaggio
IL COLONNELLO REY
Il colonnello Rey su Facebook

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2020 -  Informazioni sul copyrightPrivacy