Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

Catalogna: fermare l'internet è colpire la democrazia

Le regole dell'internet - Manlio Cammarata - 3 ottobre 2017

La contesa tra Madrid e Barcellona sul referendum per l'indipendenza della Catalogna ha visto pesanti attacchi a quella che chiamiamo "democrazia elettronica". Brutto precedente per il futuro della libertà della Rete in Europa.

alle 3.12 del 20 settembre scrive su Twitter "Right now spanish police @guardiacivil is doing an intervention in our office @ICANN". Tra i commenti, di diverso segno: "The domain registry broke the constitution? Internet locks are for autoritarian governements".
I blocchi di internet sono per i governi autoritari. Punto.

"La crisi costituzionale spagnola diventa un affare di Internet, dopo che la Guardia Civil ha fatto irruzione ieri mattina, negli uffici della Fundació puntCAT, organizzazione con sede a Barcellona che registra i domini catalani ‘.cat’. Obiettivo dell’azione repressiva è l’oscuramento dei siti, registrati sul dominio catalano, contenenti informazioni relative al referendum sull’indipendenza della regione spagnola, che si dovrebbe tenere il prossimo primo ottobre". Così l'AGI del 21 settembre scorso.

Ma l'internet, come sappiamo, non è facile da bloccare. Dal Corriere della sera: "La Guardia Civil blocca i siti su cui la Generalitat ha caricato le liste degli aventi diritto. Ma si inizia a votare comunque. I siti chiusi ricompaiono su altri server nei Paesi più vari".

Ora non sappiamo quanto le risorse della Rete abbiano effettivamente favorito il voto di milioni di catalani, se le app che indicavano i seggi in funzione siano state utili, se il voto elettronico (pur in assenza di qualsiasi garanzia di sicurezza o di segretezza) abbia funzionato.

La questione è un'altra. Il governo spagnolo non è un governo autoritario, almeno non nel senso usuale di "governo non democratico". Però ha agito come se lo fosse.
Non è qui il caso di "buttarla in politica", anche perché non siamo di fronte a una questione politica: si tratta della negazione di un diritto fondamentale come la libertà di espressione.

Per quanto illegale e quindi privo di qualsiasi efficacia giuridica, il voto della Catalogna poteva comunque essere considerato come la manifestazione del pensiero di alcuni milioni di persone. Garantita – fra l'altro – dall'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea.

Questa storia non ci piace. Non ci piace perché è non è proprio di un Paese democratico il blocco di siti internet nei quali si manifestano opinioni e si pubblicano informazioni che non sono di per sé reati, non istigano alla violenza, non costituiscono fake newshate speech. Semplicemente indicano ai cittadini come esprimere pacificamente un voto, .

E tutto questo non avviene in uno Stato-canaglia, non avviene in una dittatura di qualche lontano angolo della Terra. Succede in un grande Paese dell'Occidente (la cui lingua è la terza più parlata al mondo), uno dei più importanti Stati membri dell'Unione europea. Dove sono successe altre cose che una volta di sarebbero dette "da terzo mondo", come la polizia che cerca di impedire ai cittadini di votare e ne ferisce a centinaia.

E' un brutto precedente.

Post-scriptum. Sono passati più di vent'anni da quando Giancarlo Livraghi scriveva in "Cassandra": Proviamo a chiederci: chi ha voglia di reprimere?
Per cominciare: tutti i partiti politici, nessuno escluso, perché vedono male uno scambio di opinioni fuori dai canali noti e controllabili (e forse non hanno capito che nessuna forma di "democrazia elettronica" potrà mai sostituire la struttura necessaria della delega, che semmai è minata dalla meccanica superficiale del "comizio televisivo").
Non è il caso di fidarsi di chi parla di aiutarci o proteggerci. Grazie, no: non abbiamo alcun bisogno della loro protezione.
La tendenza di tutti i Poteri, e in particolare di quello politico, è trattare i cittadini come bambini sbrodoloni incapaci di gestirsi da soli.
Il rischio è che con la scusa di metterci il bavaglino finiscano col metterci il bavaglio
.

(Vedi anche il contributo di Andrea Monti nel Forum del ventennale: Madrid contro Barcellona. Nella partita sui dati personali non è in gioco la Champions League, ma la democrazia)

Per intervenire su questo argomento clicca qui
Inizio pagina      Indice di questa sezione      Home

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright