Cookie free: nessun "biscotto" per spiare i lettori

InterLex - RIVISTA DI DIRITTO TECNOLOLOGIA INFORMAZIONE

 

 

1997 – 2017. Che cosa significa "cittadinanza digitale"?

- Manlio Cammarata - 19 aprile 2017 (aggiornamento 6 ottobre)

Vedi anche Tra la persona e l'algoritmo, l'internet vent'anni dopo

L'8 maggio 2017 questa rivista compie vent'anni. La data del primo numero, 8 maggio 1997, non fu scelta a caso: il giorno dell'entrata in vigore della legge sulla protezione dei dati personali, primo atto della nascente "cittadinanza digitale". Questa era la prima pagina:


Che cosa significa oggi "cittadinanza digitale"? Significa molte cose, prima di tutte la nostra esistenza in rete. Esistenza che si svolge attraverso un grande numero di apparecchi, dallo smartphone al computer da tavolo. Ma ci fa essere in rete anche con l'orologio, tanto per fare un esempio, purché sia "intelligente".

Siamo sempre più circondati da cose intelligenti, come i nuovi televisori connessi alla Rete, che fanno compagnia al frigorifero e alla lavatrice, per non parlare dell'automobile. Comunichiamo con tutto e con tutti, con un'infinità di mezzi. Con i social network, per esempio, pieni di "amici" che forse esistono solo in rete, con le videochiamate via internet che non costano nulla, anche se il nostro interlocutore è dall'altra parte del mondo.

Ma ci sono situazioni in cui facciamo fatica trovare almeno un po' di intelligenza, non importa se negli uomini o nelle macchine. Per esempio, quando cerchiamo un'informazione o vogliamo seguire una "pratica" su un sito della pubblica amministrazione. E scopriamo che ogni amministrazione ha un'idea diversa su come accertarsi della nostra identità digitale.

In tutto questo non siamo mai soli. C'è qualcuno che ci osserva e ci ascolta in ogni momento, come il Grande Fratello di orwelliana memoria. Chi è? Perché lo fa? A che cosa gli servono tante informazioni sul nostro conto? Abbiamo qualche modo di sottrarci al controllo continuo, invasivo, subdolo, di chi guadagna sui fatti nostri di cui parlavamo sul primo numero di InterLex?

Cercano di convincerci che Big Data, machine learning, algoritmi, profilazione, Internet of Things e varie fantastiche invenzioni miglioreranno la nostra "esperienza". Ma l'innovazione è sempre progresso?

Parliamone, discutiamo. Ma a modo nostro.  Al tempo delle chat, di WhatsApp, di Facebook e di Twitter, vogliamo riflettere e discutere senza l'assillo dei 140 caratteri, dei pasticci sui non-tasti del telefonino, del rumore invasivo di parole in libertà che supera i segnali dell'intelligenza.

Dunque chiamiamolo ancora "Forum". Come vent'anni fa, chiunque può intervenire con un articolo, o anche  un breve saggio, sui tanti temi della cittadinanza digitale.
Dalla privacy alle fake news, dall'amministrazione elettronica al diritto d'autore, dalla gestione dei documenti ai problemi della sicurezza.

In settembre faremo il punto con un webinar dall'aula telematica di Unitelma Sapienza. In dicembre sarà la volta del convegno conclusivo a Roma. Che, naturalmente, sarà trasmesso in streaming..
Tutti gli aggiornamenti saranno pubblicati nella pagina del programma del Forum.

Per intervenire nel Forum, clicca qui
Inizio pagina     Indice del Forum      Home

Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Roma con il n. 585/97 - Direttore responsabile Manlio Cammarata - P. IVA 13001341000

© Manlio Cammarata/InterLex 2017 -  Informazioni sul copyright